la-pietra-di-paragone-blog

SCIENZA

La parola agli scienziati e alla scienza attraverso interviste tratte da riviste specializzate e da chi di voi eclettici ama e segue il mondo della scienza. (la scienza del mondo?)

 

Francesco Stellacci - scienziato per vocazione

 

Riportiamo di seguito un estratto dall'articolo di Francesco Stellacci apparso su Nòva24 review n.2 Aprile 2008.

Ci sembra un buon inizio per questo canale tematico che noi vorremmo si sviluppasse proprio nella direzione di dare spazio ai protagonisti della scienza più che parlare di quello che fanno o hanno fatto. Insomma non ci interessa parlare di scienza, ma "ascoltare" chi la fà.

 

Gli scienziati, tutti, sono sognatori, sono persone che sognano di cambiare il mondo, di lasciarlo meglio di come lo si è trovato, di innovarlo e di renderlo sempre più vivibile, meno duro. E la pretesa è di ottenere tutto questo senza guerre, senza diatribe, senza forzature, senza creare divisioni, ma anzi parlando la lingua più universale che esista al mondo. Questa è la vera vocazione di ogni scienziato, quel tema comune che ci rende simili, indipendentemente dalla nazionalità, dalla religione, o dalla cultura di provenienza. E' una vocazione forte che ti prende già da piccolo e non ti lascia più.

Oggi quando mi guardo intorno mi ritrovo in un mondo che è molto più vivibile di quello nel quale sono cresciuti i mie nonni. Solo sessanta anni fà la principale causa di morte femminile era il parto, oggi meno dell'uno per mille delle donne ha complicazioni fatali durante il parto. Allora non c'erano lavatrici, telefoni, televisione, computer, gli aerei erano quasi unicamente strumenti di guerra eccetera eccetera. E mi sento contento e orgoglioso di fare parte di quel contingente di persone che dedica la vita a rendere questi eventi possibili, a creare piccoli pezzi di sapere che, messi insieme, portano alla creazione delle grandi scoperte scientifiche e tecnologiche.

Di scienziati ce ne sono di tutti i tipi, ad alcuni piace la matematica, altri la odiano; alcuni passano le giornate a creare nuove teorie o a simulare al computer fenomeni fisici, altri preferiscono stare in Iaboratorio a fare esperimenti che servono a provare le teorie o a metterle in discussione. lo sono uno sperimentale perché non c'è nulla di pentusiasmante che creare qualcosa di nuovo, che non esisteva prima. Fare lo scienziato non è certamente l'unico modo per contribuire al miglioramento del mondo che ci circonda, è solo uno dei tanti. Alla fine è uno dei più divertenti, perché ti obbliga a passare la vita con tanti ragazzi giovani di tutto il mondo, tutti pieni di creatività e di idee, tutti sognatori, tutti pieni di speranze. Citando Ligabue, quale modo migliore "di fregare la morte"?

leer más
Zero rughe, controllare!
http://www.vicodur.com/perle-bleue/

 

 

addesign_2_atlas

 

Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Scambio Link

Associazione culturale Il circolo degli eclettici tutti i diritti riservati - Via delle rimembranze,3 Amelia Italy

Powered by AtlaS

  Site Map